Food&Wine Festival, di vini e di scoperte

Il week end invernale del milanese medio prevede la fuga cieca dalla città alla ricerca della neve migliore, sciando a perdifiato, emuli della valanga azzurra, sicuri di non avere nulla da invidiare a un olimpico di discesa libera…Non esistono deroghe!

Il week end del terrone milanesizzato prevede la ricerca di qualcosa da fare nella città meneghina fantasma – si perchè sugli sci ci va anche ma piuttosto che giocarsi le articolazioni preferisce giocarsi selettivamente il fegato!

Continua la lettura di Food&Wine Festival, di vini e di scoperte

Febbraio val bene una merla. Se arriva il gelo ci si scalda con gustosissimi eventi!

Freddo, gelo, neve a bassa quota, vorrete per caso rispondere con un camino, un plaid e legandovi il telecomando della TV alla mano? Si ok, avete quel vino da meditazione che avete tenuto li per queste serate, quella ricetta che volevate provare a fare non appena aveste tempo, quel whisky che si apre da solo non appena la vampa del primo tizzone si accende nel camino. A febbraio no, copritevi, scaldate l’auto e mettete in calendario questi eventi.

Continua la lettura di Febbraio val bene una merla. Se arriva il gelo ci si scalda con gustosissimi eventi!

Si può fareeeeee….pizza e birra a casa!

Frankestein Junior
Frankestein Junior

Un urlo alla Gene Wilder risuona tra le mura di un bilocale, no nessuna incredibile scoperta scientifica, solo dei sorrisi a cinquantaquattro denti dopo aver capito che una serata pizza e birra può anche essere il tema di una cena a casa, perché no, anche téte-a-téte con l’amata mangiapizza bionda!

Come?

Beh, bisogna pensarci il giorno prima ma alla fine varrà la pena!

Continua la lettura di Si può fareeeeee….pizza e birra a casa!

Se la Terra Trema la vite non sta a guardare

Questo fine settimana sara impegnativo per le papille degli appassionati e per i nasi dei fiutatori di sentori del liquido odoroso (cit.) ma Terra Trema merita attenzione. Sarà per la location, sarà per lo slogan di quest’anno “Panico, Voluttà, Pasti cosmici”, sarà perché alla fine ogni anno è diverso dagli altri e perché gli amici vignaioli si divertono tanto quanto chi corre a degustare nuovi prodotti e ultime annate.

Continua la lettura di Se la Terra Trema la vite non sta a guardare

#QUANTOMAIS in #expogate

Cosa ci fa un campo di mais tra i due padiglioni di #ExpoGate?

#quantomais Expo Gate per Expo2015
#quantomais in Expo Gate

#quantomais è un’opera provvisoria e inaspettata che rimarrà viva per tutto il mese di agosto.

Inaugurazione:  31 Luglio dalle ore 19 alle 22

quanto mais 2

 

Seminato nella prima decade di giugno e coltivato nella cascina Gambarina di Abbiategrasso, il mais è stato trasportato ieri notte nel cuore della città.

Un campo maturo di 360 mq di superficie davanti al Castello Sforzesco continuerà a crescere, per tutto agosto, nella piazza di Expo Gate. Nelle stanze agricole ricavate all’interno della piantagione – luoghi di sosta che ospitano performance artistiche, letture, improvvisazioni – si trovano delle vasche per la coltura di ortaggi e piante di stagione come girasoli, okra, zucche e zucchine.

Alla fine di agosto quantomais verrà smontato nelle originali 231 sezioni (bancali di dimensioni 80 x 120 x h50 cm) e redistribuito, tramite un bando di adozione, in piccoli appezzamenti di città.

#quantomais in Expo Gate per Expo2015

Le richieste di adozione vanno inoltrate tramite il blog www.quantomais.org

SPAGHETTONI AI FASOLARI

spaghetti, pasta ai fasolari, ricetta a base di pesce. Foodporn.

Fasolari pronti per gli spaghetti

Ricetta per 4 persone golose

350 g di spaghettoni artigianali
1.5 kg di fasolari spurgati
1 spicchio d’aglio
Una manciata di prezzemolo
Olio extravergine di oliva, sale, pepe e peperoncino q.b.
Su questo LEI si sente di dissentire con tutte le sue forze. Sotto i 110 grammi di spaghetti a testa lei non prende nemmeno in considerazione l’idea di sedersi a tavola. Ecco.

Spaghetti coi fasolari. Ricetta primi piatti di pesce
Spaghetti coi fasolari

Procedimento
Nell’attesa che la pentola con l’acqua per la pasta inizi a bollire, mettete sul fuoco un tegame con due cucchiai d’olio extravergine d’oliva, lo spicchio d’aglio intero e i fasolari, lasciandone due a testa da parte per dopo, coprire con un coperchio e far andare a fuoco basso senza rimescolare fino a che non si siano appena aperti.
Tuffare nell’acqua gli spaghettoni e salare solo dopo che l’acqua abbia ricominciato a bollire.
Nell’attesa aprire i fasolari lasciati crudi, sgusciarli e tagliarli al coltello riducendoli in tartare aggiungendo poco olio extravergine d’oliva.
Appena i fasolari si saranno aperti togliere dal fuoco, aprirli e sgusciarli, separare il sughetto di fondo e filtrarlo con una garza.
Scolare gli spaghettoni 4 minuti prima del tempo di completa cottura, indicativamente dopo 3/4 del tempo indicato dal produttore e conservare un po’ dell’acqua di cottura, scaldare il sughetto filtrato sul fondo di una padella, aggiungendo un mestolo dell’acquad di cottura della pasta, alzare la fiamma e mantecare gli spaghettoni aggiungendo i fasolari cotti sgusciati, una presa di prezzemolo, mezzo peperoncino tritato al coltello e un giro di olio, continuare a fiamma viva finché non sia ultimata la cottura della pasta (secondo il gusto) e si sia rappreso il sughetto di fondo.
Impiattare ponendo sulla pasta un cucchiaio di tartare di fasolari crudi a testa, una spolverata di prezzemolo, poco pepe nero e un giro di olio.

Consiglio: è importante che gli spaghettoni abbiano una superficie rugosa perché potranno trattenere meglio il sughetto rappreso.

CARBOLIMONARA PER INTOLLERANTI AI LATTICINI

Plin (avviso di facebook messenger)… plin… Mi fai la carbonara? Ma senza formaggio… plin (suono non riconducibile a facebook messenger generato da LUI…)  Continua la lettura di CARBOLIMONARA PER INTOLLERANTI AI LATTICINI